Vai ai contenuti

Menu principale:

Malte refrattarie

MATERIALI



malte
refrattarie


La malta refrattaria è un materiale adatto a resistere, per tempi anche lunghi, a temperature particolarmente elevate (fino a valori di 500/600°C) senza sgretolarsi e senza reagire chimicamente con le sostanze che con essa sono a contatto, che viene applicata su cemento e mattoni refrattari o utilizzata come intonaco. Per queste sue caratteristiche è spesso utilizzata nella realizzazione di camini, forni o stufe in muratura. Essa è una a miscela composta da:
legante: ossia un prodotto che reagendo con l’aria o l’acqua si irrigidisce mantenendo la forma e man mano che si consolida acquista resistenza meccanica (indurimento);
inerte: ossia un minerale di origine rocciosa granulare che non partecipa attivamente alle reazioni di cui sopra;
Viene generalmente commercializzata come una miscela secca già pronta con rapporti precisi legante/inerte che necessita della sola aggiunta di acqua per poter essere tilizzata.
Le sue caratteristiche di resistenza alle temperature elevate le vengono dai suoi componenti di base che sono calcio, argilla comune, argilla macinata cotta fino a completa disidratazione, altri leganti speciali.
Ovviamente i componenti elencati possono essere miscelati con diverse percentuali ed in funzione di tali rapporti le proprietà della malta ottenuta cambieranno.
Comunque sia entrando nel dettaglio della composizione chimica di una malta refrattaria comune reperibile in commercio si potrà riscontrare che essa mediamente sarà costituita da:
SiO2 (silice) in percentuale compresa tra il 44/46%;
Al2O3 (allumina) in percentuale compresa tra 16/18%;
CaO (ossido di calce o calce viva) in percentuale compresa tra 28/30%;
Fe2O3 (ossido ferrico) con percentuale compresa tra 4/5%.

In definitiva quindi le malte refrattarie hanno la medesima costituzione dei materiali refrattari utilizzati come riempimento in forni e stufe anche se rispetto ad essa, questi sono triturati finemente.
Caratteristiche di questo materiale edile
Le caratteristiche peculiari di una malta refrattaria comune reperibile in commercio sono: Ottima resistenza a temperature considerevoli dell’ordine dei 500/600°C, in alcune tipologie si arriva anche ai 1000°C ed oltre. La temperatura elevata, come già detto, non induce i componenti della malta a reagire con gli elementi vicini né provoca cambiamenti nella struttura della malta indurita compromettendone la capacità di presa ed indurimento. Ed inoltre anche le considerevoli sollecitazioni
provocate dalle notevoli escursioni termiche tra la temperatura ambiente e 500/600°C sono tranquillamente superate.
Rapida presa ed indurimento. Una malta refrattaria fa presa in meno di una ora ed indurisce nell’ordine di 5/6 ore.
Buona resistenza meccanica alle sollecitazioni.
Applicabile su qualunque tipo di supporto siano essi manufatti cementizi che mattoni refrattari.
Non può essere lavorata con temperature dell’ambiente inferiori ai 5°C e superiori ai 35°C pena
la perdita delle sue caratteristiche.
Costi della malta refrattaria.
La malta refrattaria viene commercializzata in sacchetti da 1-25 Kg ed ha costo che va dai 2 ai 3 € al chilogrammo. E’ acquistabile nei buoni negozi di materiali per l’edilizia, nei centri per bricolage e da siti specializzati su internet.

A cosa serve?
Per la sua resistenza alle elevate temperature, per la sua buona resistenza meccanica ed alle sollecitazioni indotte da notevoli escursioni termiche, la malta refrattaria viene utilizzata: Per mantenere adesi mattoni refrattari e manufatti cementizi, ad eseguire intonaci atti a resistere ad alte temperature come ad esempio l'intonacatura di una calootta in mattoni refrattari, nella costruzione e montaggio di caminetti, forni, barbecues, stufe in muratura, canne fumarie, cappe, etc.

Per effettuare riparazioni di fenditure che si possono creare nei manufatti su menzionati.
Per la costruzione di piani/basamenti di focolai di forni, stufe e caminetti.

DIFFERENZA TRA MALTA REFRATTARIA E CEMENTO REFRATTARIO
La malta refrattaria è diversa dal cemento refrattario. Questo, infatti, viene preparato con una miscela di calcare (carbonato di calcio CaCO3) e bauxite (ossidi ed idrossidi di alluminio e ferro) che vengono portati ad altissima temperatura fino a fusione. I pani solidificati che si ottengono vengono poi triturati e costituiscono il cemento refrattario. Una caratteristica del cemento refrattario è che portato a temperature superiori ai 1000°C sinterizza ossia diviene compattissimo formando con i mattoni refrattari su cui è disposto dei legami del tipo ceramico che rimangono stabili anche quando la temperatura diminuisce. Questa sua caratteristica lo rende adatto al rivestimento di forni che lavorano ad elevate temperature >1000°C.

ALCUNE  MALTE  REFRATTARIE  PRESENTI  SUL  MERCATO
FASSA FIREWALL
Malta refrattaria cementizia monocomponente ad indurimento rapido, adatta ad utilizzi dove sia richiesta un'elevata resistenza alle alte temperature

Impiego
FASSA FIREWALL è usata come malta per muratura per tutti i lavori dove sia richiesta un'elevata resistenza alle alte temperature, come ad esempio il montaggio e la stuccatura di caminetti, forni, barbecues, canne fumarie, cappe, mattoni refrattari.
Può essere utilizzata anche per finiture a rasatura dei manufatti precedentemente citati.
Fornitura
Sacchetti speciali con protezione dall'umidità da ca. 5 kg in scatole da 5 pz
Malta Leca M5 elimina i ponti termici costituiti dai giunti di malta tradizionale e migliora l’isolamento termico della parete dal 10% al 20% senza costi aggiuntivi. La conducibilità termica è 0,199 W/mK e ha una prestazione meccanica garantita in Classe M5 (50 Kg/cm2).

In opera pesa solo 800 Kg/m3, un prodotto incombustibile (Euroclasse A1) ed Ecobiocompatibile certificata ANAB-ICEA per la Bioarchitettura.
RECAD è una malta refrattaria premiscelata, di colore grigio, a base di di cemento alluminoso con aggregati silicei selezionati a granulometria controllata, per applicazioni a mano. Pronto all’uso con l’aggiunta di solo acqua. (Scheda tecnica)
REFRASET è una malta cementizia a presa rapida, composta da alluminati di calcio, argille, chamotte ed additivi vari. Impastata con acqua, si trasforma in un impasto di facile lavorabilità con effetto tissotropico ed elevata adesione al supporto. Ad indurimento avvenuto, presenta buone resistenze
meccaniche ed un'ottima resistenza al calore. Può essere applicata su tutti i supporti cementizi, mattoni refrattari, ecc. REFRASET fa presa in un'ora ed indurisce in sei ore. Non contiene fibre di amianto o altri prodotti ritenuti dannosi per la salute dell’applicatore. (Scheda Tecnica)
Sabbia Leca è l’inerte leggero e isolante per il confezionamento di intonaci resistenti e protettivi al fuoco. Grazie alle caratteristiche di incombustibilità (Euroclasse A1), con Sabbia Leca si possono confezionare intonaci protettivi antincendio. (Scheda Tenica)
CEMENTO ALLUMINOSO AD ALTA RESISTENZA AL CALORE, AGLI AGENTI CHIMICI E A RAPIDO INDURIMENTO

Per la rea­liz­za­zio­ne di opere che de­vo­no re­si­ste­re alle alte tem­pe­ra­tu­re (forni per pane e pizza, bar­be­cue, ca­mi­net­ti). Per ac­ce­le­ra­re la presa del­l’im­pa­sto ag­giun­gen­do­lo al ce­men­to por­tland.

sigillanti refrattari

Siliconici
Silicone sigillante Alta temperatura SARATOGA - fino a 380°
Silicati:
Mapei Mapeflex Firestop - resistenza fino a 1200°
SARATOGA -  resistenza fino a 1200°
PATTEX (enkel) Refractory -  resistenza fino a 1000°
PATTEX (enkel) refractory Sealant -  resistenza fino a 1500°

 


Torna ai contenuti | Torna al menu