Vai ai contenuti

Menu principale:

Forni a doppia camera di ANTONIO ROSSO

FORNI
Nel presentare il primo forno a doppia camera il Sig. Antonio scrive :
Il mio forno a legna con Camera di Combustione separata è indipendente dalla Cupola di Cottura.
Curiosando su internet ho letto lo scambio di opinioni che altri appassionati di pane e forni come me si fanno, notando che la curiosità di sapere com’erano fatti i forni da pane nel passato, con le loro storie antiche tramandate nel tempo, i materiali usati allora fino ad oggi epoca del materiale refrattario, le attuali produzioni di mattoni refrattari, mi ha reso curioso.
Nella ricerca ho trovato anche lo scambio di notizie sulla costruzione di forni con camera di combustione separata dalla camera di cottura, tecnica che risale anch’essa alla notte dei tempi.
Nelle ricerche fatte mi sono documentato grazie a spiegazioni di appassionati nel costruire camere di combustione a legna, ed è da questi appassionati che ho appreso molti dati tecnici su come deve essere fatta la camera di combustione, i parametri dei rapporti tra le pareti di mattoni refrattari e il vuoto dei giri fumo necessari per sfruttare il calore sprigionato dalla combustione della legna, dati messi a disposizione e pubblicati su internet, senza nulla chiedere, contributo che è stato per me trainante, tanto che ho deciso di cimentarmi a costruire questo tipo di forno, trasferendo in pratica le nozioni ricevute.
Cercherò di spiegare come posso le fasi di come ho eseguito i lavori, avvalendomi del supporto di foto che ho preso durante l’avanzamento dei lavori stessi in fase di esecuzione (vedi PDF).
Il Sig. Antonio dopo il grande forno che risultava complesso date le dimensioni ad un utilizzo famigliare, ha ben pensato di utilizzare le esperienze acquisite per realizzarne uno più piccolo.
con la descrizione aggiornata dei due FORNI. (vedi PDF)


Quando si costruisce un forno bisogna ben utilizzarlo per panificare ed ecco loa ricetta del Sig. Antonio Rosso per fare il pane co la pasta madre.
Torna ai contenuti | Torna al menu